A sorpresa, in campo pure Milan e Balaso. Venerdì si va a Ravenna. Baldovin: «Prova di grande sostanza per Giannotti. Dobbiamo migliorare in ricezione»  Tonazzo Padova – ACH Volley Ljubljana 3-2(24-26; 18-25; 27-25; 29-27; 15-10) Tonazzo Padova: Orduna 2, Giannotti 25, Gozzo 4, Averill 7, Diamantini 8, Lazzaretto 8, Bassanello (L); Leoni, Volpato 8, Milan 15, Balaso (L). Non entrati: Costa. Coach: Valerio Baldovin.ACH Volley Ljubljana: Flajs 16, Puriè 8, Satler 2, Mochalski 21, Terpin 16, Koncilja 11, Plesko (L); Jereb 1, Juriae. Non entrati: Kumer. Coach: Bogdan Kotnik.Durata: 27’, 22’, 28’, 30’, 14’. Tot. 2h 01’NOTE. Servizio: Padova errori 23, ace 8; Ljubljana errori 22, ace 13. Muro: Padova 12, Ljubljana 8. Ricezione: Padova 34%, Ljubljana  51%. Attacco: Padova 46%, Ljubljana 41%. Si è svolto questo pomeriggio alla Kioene Arena il secondo allenamento congiunto della stagione. Dopo essersi confrontati la scorsa settimana con la Calzedonia Verona (vittoria di 3-1 per gli scaligeri), i bianconeri hanno affrontato un altro interessante test con gli sloveni dell’ACH Volley Ljubljana. 3-2 il punteggio finale a favore degli uomini di coach Valerio Baldovin, capaci di ribaltare il match dopo essere andati in passivo di due set. “Bomber” della partita è stato l’opposto Stefano Giannotti, che ha raccolto 25 punti di cui 4 ace e 3 muri: la sua percentuale di positività in attacco si è fermata però al 38%. Buona prova di tutti i centrali, tutti con ottime percentuali in attacco (60% Averill, 64% Volpato e 80% Diamantini), mentre ha faticato un po’ la ricezione (34%).CHI SI RIVEDE. Alla vigilia, i reduci dal doppio mondiale Under 23 e Under 21, Fabio Balaso e Sebastiano Milan, erano previsti come “spettatori” del match. In realtà i due sono scesi in campo dopo 24 ore dal lungo viaggio che li ha riportati dal Messico all’Italia, a dimostrazione della voglia di questi ragazzi di mettersi al lavoro con i nuovi compagni. Milan è stato utilizzato negli ultimi tre set e ha realizzato 15 punti (50% di positività in attacco) di cui 2 ace e 3 muri: un’arma in più in banda per l’allenatore dato che anche oggi Brian Cook e Alexander Berger sono stati tenuti a riposo per precauzione (infiammazione al tendine rotuleo per l’americano e distorsione alla caviglia per l’austriaco).BALDOVIN: “AVREMO TANTE SOLUZIONI A DISPOSIZIONE”. Considerando che sono passate appena tre settimane dall’inizio della preparazione e mettendo sul banco l’attuale “assenza” di tre bande di spessore come Brian Cook, Alexander Berger e Gonzalo Quiroga, i motivi per essere fiduciosi ci sono tutti. «Ovviamente non bisogna guardare troppo al risultato in questa fase della preparazione – dice coach Baldovin – perché queste sono occasioni per far giocare tutta la squadra e studiare così le differenti soluzioni a nostra disposizione. Abbiamo faticato a trovare il ritmo di gioco nei primi set e sofferto in ricezione sui loro battitori. Dopo però abbiamo trovato maggiore fluidità e l’atteggiamento della squadra è stato molto positivo. Giannotti ha fatto una partita di grande sostanza, così come la prova di tutti i centrali».VENERDI’ A RAVENNA. Nemmeno il tempo di fiatare che, alle ore 16.45 di venerdì 25 settembre, la Tonazzo Padova sarà di scena a Ravenna per un test con la CMC Ravenna. Alberto SanaviaUfficio Stampa Tonazzo Padovapallavolopadova.com