I bianconeri a secco a Molfetta che s’impone 3-0: al PalaPoli non hanno mai vinto. Baldovin: «Avversario molto forte, ma noi commesso qualche ingenuità di troppo»  Exprivia Molfetta – Tonazzo Padova 3-0(25-16, 26-24, 25-22) Exprivia Molfetta: Candellaro 8, Randazzo 11, De Barros Ferreira 12, Barone 7, Hierrezuelo 4, Hernandez 18, De Pandis (L); Mariella, Del Vecchio. Non entrati: Spadavecchia, Porcelli, Fedrizzi. Coach: .Tonazzo Padova: Orduna 1, Giannotti 12, Quiroga 5, Averill 7, Berger 5, Diamantini 3, Balaso (L); Cook 3, Leoni, Bassanello (L). Non entrati: Volpato, Milan, Lazzaretto. Coach: Valerio Baldovin.Arbitri: Marco Braico e Giuliano Venturi di Torino.Spettatori: 1684.Durata: 25’, 29’, 29’. Tot. 1h 23’.NOTE. Servizio: Molfetta errori 17, ace 6; Padova errori 9, ace 1. Muro: Molfetta 8, Padova 5. Ricezione: Molfetta 58%, Padova 47%. Attacco: Molfetta 50%, Padova 41%.MVP: Hernandez Ramos Fernando (Exprivia Molfetta).  

Indicazioni di coach Baldovin a Fabio Balaso (foto Trovò)

Nella trasferta pugliese, ad avere la meglio è l’Exprivia. Prima dell’inizio del match, le note della “Marsigliese” e il minuto di silenzio, regalano attimi di commozione in onore delle innocenti vittime degli attentati terroristici di Parigi. Venendo al gioco, dopo un primo set opaco, la Tonazzo mantiene il vantaggio nei seguenti due parziali fino alla metà del set, dovendo però fare i conti con il cubano Hernandez in serata di grazia e capace di spingere la propria squadra nei momenti decisivi. Con questa sconfitta, i patavini continuano nella “maledizione” del PalaPoli in quanto – sia in serie A2 che in Superlega – Padova qui non ha mai vinto.LA CRONACA. I bianconeri scendono in camp con la novità Diamantini in campo (ex di turno) al posto di Volpato. Difficile avvio di primo set per la Tonazzo Padova, che subisce il passivo di 6-1 venendo sorpresa sia al servizio che a muro. Sono i centrali patavini a dare il loro contributo per riavvicinarsi (12-9) ma il match appare subito in salita. Al rientro in campo, sono soprattutto gli errori avversari a permettere alla Tonazzo di agganciare gli avversari sul 13-13. De Barros Ferreira e Randazzo riallungano le distanze (19-15) ma il colpo di grazia arriva con gli ace vincenti di Hernandez che accelerano il risultato chiudendo il primo parziale per 25-16.Diverso l’avvio di secondo set, con Berger e Giannotti bravi a spingere la Tonazzo sul 5-8 con coach Gulinelli che si ripara in time out. Hernandez tiene il fiato sul collo a Padova, ma al time out tecnico i veneti sono avanti 10-12. Col passare dei minuti, qualche imprecisione dei patavini permette a Molfetta di riagganciare il punteggio sul 17-17. E’ un testa a testa fino alla fine che si chiude ai vantaggi col muro del 26-24 di Candellaro su Giannotti.Ancora una volta è positivo l’avvio di terzo set per la Tonazzo Padova (Cook in campo per Quiroga), che si porta sul 6-10 con la diagonale di Berger e il colpo di Diamantini. Dall’8-12 si passa al 12-13 con Hernandez che continua a creare scompiglio al servizio. Il vantaggio dei padroni di casa arriva sul 20-19 dopo due errori in attacco di Cook e Giannotti. Il finale è di marca pugliese: Padova non riesce a trovare il graffio giusto per riaprire il match che si chiude 25-22.DOMENICA ARRIVA PERUGIA. Domenica 22 novembre la Tonazzo Padova ospiterà alla Kioene Arena la Sir Safety Perugia: inizio gara alle ore 18.00. Le prevendite apriranno domani (lunedì 16 novembre) sul sito della Tonazzo Padova, accedendo sezione “News Biglietteria” sul sito pallavolopadova.com.  Valerio Baldovin (coach Tonazzo Padova): “Oggi abbiamo affrontato un avversario che ha giocato molto bene, soprattutto al servizio, mettendo in campo grande forza e sbagliando poco. Rispetto al solito abbiamo avuto maggiore difficoltà in ricezione, così come non siamo stati incisivi quanto loro alla battuta. Sommando questo a qualche nostra ingenuità, ne è nato questo 3-0. Dispiace, più che altro perché – con più continuità nel nostro gioco – loro sarebbero calati nell’efficienza, come avvenuto in alcuni momenti del match. Dobbiamo far tesoro di questa gara e guardare alla prossima mettendosi nuovamente al lavoro”.   Alberto SanaviaUfficio Stampa Tonazzo Padovapallavolopadova.com