Padova esce sconfitta 0-3 dalla sfida coi Campioni d’Italia ma riceve gli applausi del pubblico. Fedrizzi: «gara di alto livello, è un buonissimo segnale»

 

 

Kioene Padova – Azimut Modena 0-3
(23-25, 23-25, 19-25)
Kioene Padova: Shaw 3, Maar 7, Koncilja 3, Volpato 3, Milan 16, Fedrizzi 8, Balaso (L); Zoppellari, Giannotti 1, Averill, Sestan. Non entrati: Bassanello, Link. Coach: Valerio Baldovin.
Azimut Modena: Petric 9, Orduna 2, Ngapeth E. 12, Le Roux 8, Holt 6, Vettori 11, Rossini (L); Massari, Onwelo, Salsi. Non entrati: Cook, Ngapeth S., Piano. Coach: Roberto Piazza.
Arbitri: Zucca-Zanussi.
Durata: 28’, 31’, 25’. Tot. 1h 24’.
Spettatori: 3.352.
Incasso: 29.128 Euro.
MVP: Santiago Orduna (Azimut Modena).
NOTE. Servizio: Padova errori 18, ace 7; Modena errori 16, ace 7. Muro: Padova 6, Modena 3. Ricezione: Padova 39%, Modena 45%. Attacco: Padova 37%, Modena 55%.
E’ una Modena cinica quella che raccoglie tre punti pieni alla Kioene Arena. Padova ha impensierito non poco i campioni d’Italia, giocando tre set di alto livello. Alla fine la classe di Ngapeth, l’esplosività di Vettori e la regia di Orduna sono state le chiavi del match. Prima dell’inizio del match, la Società bianconera ha inoltre consegnato all’ex alzatore bianconero una targa in ricordo delle tre stagioni trascorse a Padova.
Attento avvio da parte di entrambe le squadre, con Milan particolarmente attivo in fase di attacco (9-8). La Kioene batte bene e l’ace di Fedrizzi che vale il provvisorio 14-13 costringe coach Piazza al time out. Dopo un’azione contestata da Modena al video check, gli ospiti trovano la grinta necessaria per ribaltare la situazione (19-21). Petric trova l’ace del 21-24 e a chiudere ci pensa Ngapeth per il 23-25.
Anche il secondo set inizia con una lotta punto a punto, con Padova avanti 9-7 dopo l’ace di Shaw. Ancora una volta l’Azimut si affida alla classe di Ngapeth e – sfruttando qualche imprecisione di troppo di Shaw – Modena agguanta il 12-14. La Kioene non molla e ancora una volta gira il punteggio a suo favore con il muro di Maar su Vettori (18-16).  Ngapeth al servizio piega le braccia alla ricezione patavina (22-24). Il servizio out di Fedrizzi chiude anche il secondo set 23-25.
Ottimo avvio di Modena nel terzo parziale, con Vettori sugli scudi e coach Baldovin a chiedere time out sul 2-6. Incredibile la reazione patavina, che azione dopo azione recupera arrivando a realizzare a muro l’11-11 che porta coach Piazza a chiedere pausa di gioco. Al rientro in campo, Vettori prende per mano la squadra e contribuisce in maniera decisiva a trovare il 13-18. Da qui la Kioene prova una serie di cambi, ma Petric & C. mettono in cassaforte il definitivo 19-25.
SI TORNA IN CAMPO L’8 GENNAIO A MOLFETTA. La Kioene Padova tornerà a giocare domenica 8 gennaio 2017 alle ore 18.00 ospite dell’Exprivia Molfetta. La prossima sfida casalinga si giocherà domenica 15 gennaio (ore 18.00) contro la Cucine Lube Civitanova. Sul sito www.pallavolopadova.com, accedendo alla sezione “Biglietteria”, sarà possibile comprare i biglietti per il match a partire dalle ore 10.00 di martedì 10 gennaio.
Michele Fedrizzi (Kioene Padova): “A differenza delle gare con Perugia e Trento in cui abbiamo giocato solo nel primo set, questa sera siamo riusciti ad esprimerci ad alto livello per tutta la gara. Questo è molto incoraggiante in vista del 2017 e ora ricaricheremo un po’ le pile in vista della sfida con Molfetta”.
Nemanja Petric (Azimut Modena): “E’ stata una gara molto simile a quella dell’andata, con tutti i set molto tirati. Alla fine noi siamo stati più bravi nei momenti decisivi ma di sicuro entrambe le squadre hanno regalato un bellissimo spettacolo ai tanti tifosi accorsi questa sera a vedere la partita”.
Alberto Sanavia
Ufficio stampa Kioene Padova
www.pallavolopadova.com