Gli umbri impongono il loro gioco (3-0), con Padova a giocare ad armi pari nel secondo set. Baldovin: “peccato per non essere riusciti a riaprire il match ma complimenti ai nostri avversari per la bella vittoria”

 

 


Sir Safety Conad Perugia – Kioene Padova 3-0
(25-16, 27-25, 25-17)

 
Sir Safety Conad Perugia: Leon 9, Lanza 8, Russo 9, Atanasijevic 21, Podrascanin 9, Colaci (L); Piccinelli, Zhukouski, Plotnytskyi 2. Non entrati: Ricci, Hoogendoorn, Taht, Biglino (L). Coach: Vital Heynen.
Kioene Padova: Polo 4, Volpato 5, Travica 1, Ishikawa 10, Barnes 1, Hernandez 17, Danani (L); Cottarelli, Casaro, Randazzo 2. Non entrati: Fusaro, Canella, Bottolo, Bassanello (L). Coach: Valerio Baldovin.
Arbitri: Piana-Sobrero.
Durata: 22’, 30’, 21’. Tot. 1h 13’
Spettatori: 2.773
NOTE. Servizio: Perugia errori 12, ace 14; Padova errori 10, ace 5. Muro: Perugia 7, Padova 3. Ricezione: Perugia 46% (26% prf), Padova 48% (29% prf). Attacco: Perugia 56%, Padova 51%.
 

E’ una Sir Safety Conad concreta e compatta quella che si aggiudica la sfida dei quarti di finale della Del Monte Coppa Italia contro la Kioene Padova. 3-0 per Perugia, con la Kioene a giocare ad armi pari nel secondo set. A fare la differenza sono stati soprattutto i colpi di Atanasijevic – a mettere a terra i palloni più pesanti – e le battute vincenti di Leon. Non sono bastate le grandissime difese di Danani, perché Perugia ha imposto la propria esperienza nei momenti decisivi. Gli errori in attacco dei veneti hanno pesato in alcuni frangenti, ma questo match è servito soprattutto ai bianconeri per tornare al ritmo gara in vista della prossima sfida di campionato prevista per domenica alla Kioene Arena con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.
Grazie alla vittoria di stasera, Perugia accederà alla Final Four che si disputerà il 22 e 23 febbraio all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO).
LA CRONACA. Grande avvio per la squadra di casa, che vola sul 9-3 grazie a un ottimo Leon che chiuderà il primo set con 10 punti e 4 servizi vincenti. Coach Baldovin manda nella mischia Randazzo per Barnes (20% in attacco per quest’ultimo) ma Padova deve subito rincorrere. Buona la reazione della Kioene con Hernandez e Ishikawa (21-15) ma a chiudere il parziale ci pensa Leon con l’ace del 25-16.
In avvio di secondo set Padova si porta avanti sfruttando anche gli errori in attacco di Lanza (2-5) ma poi Russo al servizio ribalta la situazione costringendo coach Baldovin al time our (10-7). Ancora una volta Ishikawa forza al servizio e il doppio errore di Leon riporta avanti la Kioene (11-13). E’ una lotta che continua fino al 24-24 con Randazzo a contribuire alla causa patavina. Sul 25 pari, Atanasijevic trova il doppio colpo (di cui l’ultimo al servizio) che chiude il set 27-25.
Perugia parte alla grande nel terzo parziale, portandosi sul 5-0 con Padova subito a rincorrere. Coach Baldovin inserisce nuovamente Barnes per Randazzo ma la Sir gioca sul velluto. Hernandez prova a tenere a galla i suoi con l’attacco del 20-13, ma è questione di minuti: Perugia chiude set e match con il 25-17 a firma di Lanza.
DOMENICA ARRIVA SORA. Il prossimo match casalingo alla Kioene Arena si disputerà domenica 26 gennaio alle ore 18.00 con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Le prevendite sono aperte nella sezione Biglietteria-Biglietti del sito www.pallavolopadova.com.

 

Valerio Baldovin (coach Kioene Padova): “Stasera Perugia ha battuto molto bene e noi non siamo riusciti a ricevere in maniera brillante come in altre occasioni. Va dato però merito ai nostri avversari che hanno fatto un buonissimo match, quindi complimenti a loro per la vittoria. Rimane un po’ di rammarico per il finale di secondo set, dove con un po’ di fortuna e di lucidità in più avremmo potuto riaprire la gara”

 
Alberto Sanavia
Ufficio stampa Kioene Padova
www.pallavolopadova.com