Nella seconda amichevole, Padova vince il primo set ma poi i padroni di casa ribaltano il risultato. Baldovin: «giocato con più consistenza rispetto a ieri». Affaticamento muscolare per Danani

 

 

 

Cucine Lube Civitanova – Kioene Padova 3-1
(22-25, 28-26, 25-17, 25-21)

 
Cucine Lube Civitanova: Massari 9, Diamantini 14, Leal 13, Cantagalli 6, Simon 20, Partenio 4, Balaso (L); Larizza 1, Marchisio (L), Sander 4. Non entrati: Sokolov. Coach Giampaolo Medei.
Kioene Padova: Polo 11, Louati 14, Cirovic 12, Volpato 7, Torres 14, Travica 2, Bassanello (L); Sperandio, Premovic 4, Lazzaretto 3. Non entrati: Danani (L). Coach: Valerio Baldovin.
Durata: 23’, 28’, 21’, 22’. Tot. 1h 34’
NOTE. Servizio: Civitanova errori 15, ace 4; Padova errori 16, ace 2. Muro: Civitanova 13, Padova 10. Ricezione: Civitanova 46% (28% prf), Padova 49% (31% prf). Attacco: Civitanova 50%, Padova 50%.

 

 

 

E’ stata una Kioene diversa quella vista in campo questo pomeriggio all’Eurosuole Forum contro la Cucine Lube Civitanova. I padroni di casa hanno vinto per 3-1, ma l’atteggiamento e i numeri hanno dimostrato che Padova ha lottato con maggiore determinazione. Con il libero Danani tenuto a riposto per affaticamento muscolare a un polpaccio, coach Baldovin ha schierato dall’inizio Travica al palleggio, Torres opposto, Cirovic e Louati in banda, Polo e Volpato al centro, Bassanello libero. I bianconeri si sono da subito imposti per 21-25, perdendo ai vantaggi il secondo parziale. Nel terzo set la Lube ha sbagliato meno, mentre nel quarto parziale si è dato spazio a tutti gli effettivi. «Rispetto alla sfida di ieri – dice coach Valerio Baldovin – oggi abbiamo giocato con più determinazione. Pur non essendo al completo, Civitanova ha dimostrato di essere una grandissima squadra e questo doppio test è stato utilissimo per aiutare a tararci sul livello di gioco che sarà richiesto alla squadra da metà ottobre. Nelle due amichevoli abbiamo registrato una buona prestazione in fase di ricezione, mentre fatichiamo ancora nella fase muro-difesa e nelle azioni di contrattacco. Lavoreremo su questo per essere più equilibrati e dare così maggiore concretezza al gioco».
I PIU’ CONTINUI: LOUATI E IL REPARTO DEI CENTRALI. Basta vedere il 50% in attacco di entrambe le squadre e il 49% in ricezione di Padova contro il 46% di Civitanova per capire che la partita è stata diversa rispetto a quella di giovedì. Oltre a quanto sottolineato da coach Baldovin, a fare la differenza – seppur di poco – sono stati inoltre i servizi vincenti (4 a 2 per la Lube) e il muro (13 a 10 per la Lube). In chiave attacco, buone le percentuali dei centrali Volpato (75%) e Polo (55% con 4 muri e 1 ace), oltre al francese Louati che ha chiuso la gara con 14 punti e il 52% in attacco in tre set disputati. Torres sta iniziando a entrare nei meccanismi di squadra (14 punti, 1 muro e 43% in attacco) e Cirovic ha disputato forse la sua migliore amichevole di questo pre campionato (12 punti, 1 ace, 2 muri e 45% in attacco).
IL PROSSIMO WEEKEND C’E’ LA RIMINI VOLLEY CUP. Sabato 6 e domenica 7 ottobre, sul parquet del palazzetto dello sport “Flaminio” di Rimini (via Flaminia 28), si terrà la “Rimini Volley Cup”, un torneo quadrangolare che vedrà affrontarsi Top Volley Latina, Revivre Axopower Milano, Kioene Padova e Calzedonia Verona. Questo il programma: sabato 6 ottobre sfida alle ore 18.00 tra Kioene Padova e Calzedonia Verona, a cui seguirà il match Top Volley Latina – Revivre Axopower Milano. Alle ore 17.00 di domenica 7 ottobre si svolgerà la finale per il 3°-4° posto a cui seguirà la finalissima.

 
Alberto Sanavia
Ufficio stampa Kioene Padova
www.pallavolopadova.com