Il tecnico milanese vanta una lunga esperienza in Friuli Venezia Giulia. «Questa esperienza mi permetterà di crescere ulteriormente come allenatore. A Padova mi ha sorpreso l’ambiente e il pubblico: competenze tecniche e passione sopra la media»

 

 

Jacopo Cuttini è il nuovo secondo allenatore della Kioene Padova. Nato a Milano il 10 maggio del 1973, Cuttini vanta una lunga esperienza da primo allenatore in serie B maschile e femminile. Già selezionatore regionale maschile del Friuli Venezia Giulia al Trofeo Delle Regioni dal 2000 al 2003, dal 2017 ha ottenuto inoltre la qualifica di docente federale Fipav. Nel suo palmares anche una promozione in B1 maschile con Cordenons (PN), una promozione in B1 femminile e una Coppa Italia di B2 con Martignacco (UD).
Il mondo bianconero già lo conosce, dato che la scorsa stagione ricopriva il ruolo di consulente tecnico tattico. Che realtà ha trovato a Padova?
«Ho avuto la conferma delle buone sensazioni percepite la scorsa estate, quando mi era stato proposto un ruolo nello staff tecnico. La società e il primo allenatore hanno una mentalità molto simile alla mia: cultura del lavoro e ricerca di obiettivi sempre più importanti. Quello che mi ha sorpreso è lo spessore dell’ambiente e del pubblico padovano: competenze tecniche e passione sopra la media. In palazzetto si respira una bellissima aria».
Nella sua carriera ha avuto modo di lavorare sia nel volley maschile che femminile. Quali sono gli aspetti su cui bisogna focalizzarsi maggiormente in un gruppo di Superlega?
«Nella mia carriera ho avuto la fortuna di allenare nei due settori (maschile e femminile) a quasi tutti i livelli, dalle categorie giovanili ai campionati nazionali seniores. Le varie esperienze mi hanno costretto ad affrontare (e risolvere) molte tipologie di problematiche e di conseguenza credo di essere riuscito a sviluppare discrete doti in ambito “problem solving”. Mi auguro che le mie competenze possano risultare utili ad un gruppo che dovrà gestire tutte le tensioni e le difficoltà generate da un campionato che la prossima stagione si presenterà come uno dei più competitivi al mondo. Credo inoltre che la mia propensione a lavorare sugli aspetti di natura tecnica possa sposarsi bene con i principi metodologici di Valerio».
La lunga carriera di coach Baldovin gli ha permesso di lavorare sia con i giovani che con atleti affermati. Quali sono gli insegnamenti che si augura di apprendere da questa nuova esperienza?
«Già in questo primo anno di collaborazione, il costante confronto con Valerio mi ha permesso di trattare con più competenza alcune tematiche tipiche dell’alto livello. Non ho alcun dubbio, quindi, che questa nuova esperienza mi permetterà di crescere ulteriormente come allenatore».
Come di descrive caratterialmente?
«Pragmatico, competitivo e fortemente determinato».

 
LA SCHEDA DI JACOPO CUTTINI
Nato a
: Milano (MI)
Il: 10/05/1973

 
2018/19: Kioene Padova (Superlega – 2° all.)
2017/18: Kioene Padova (Superlega – Assistente allenatori)
2016/17: Atomat Pav Udine (B1 F – 1° all.)
2013/16: Libertas Martignacco ASD (B1 F – 1° all.)
2012/13: Libertas Martignacco ASD (B2 F – 1° all.)
2011/12: ASD Futura Cordenons (B1 M – 1° all.)
2007/11: ASD Futura Cordenons (B2 M – 1° all.)

 
Alberto Sanavia
Ufficio stampa Kioene Padova
www.pallavolpadova.com