I bianconeri accusano l’attacco di Molfetta e chiudono con una sconfitta il 2012. Schiavon: «speravamo di ottenere di più. Serve allenarsi duramente per cambiare rotta»   Exprivia Molfetta – Tonazzo Padova 3-0(25-18; 25-15; 25-17) Exprivia Molfetta: Saitta 2, Van Dijik 16, Del Vecchio 10, Giglioli 8, Ippolito 10, Giosa 8, Rizzo (L); Morelli 4, Aprea, Tamborra, Antonaci (L). Non entrati: Mattei. Coach: Juan Manuel Cichello.Tonazzo Padova: Mattera 1, Vedovotto 5, Volpato 5, Giannotti 9, Rosso 3, Salgado 7, Balaso (L); Leonardi 5, Moretti 5, Garghella, Pedron. Non entrati: Maniero. Coach: Luigi Schiavon.Arbitri: Zavater – Prati.Durata: 25’, 26’, 25. Tot. 1h 16’Spettatori: 700. Ultimo match del 2012 per la Tonazzo Padova, che affronta la temibile squadra di Molfetta. I bianconeri schierano il sestetto formato da Mattera al palleggio, Giannotti opposto, Rosso e Vedovotto in banda, la coppia Volpato – Salgado al centro, Balaso libero. Parte bene la squadra di Schiavon, protagonista nelle prime battute di gioco con Giannotti (0-2).1° SETIl set appare da subito combattuto, ma al termine del primo time out tecnico sono avanti i bianconeri (5-8). Van Dijk si conferma però arma temibile per la squadra di casa, tanto da arrivare al sorpasso sul 10-9. I bianconeri accusano un calo di attenzione, tanto da costringere il coach patavino a chiamare time out. Si gioca punto a punto, con Volpato protagonista tra i bianconeri. Il secondo time out tecnico questa volta è a favore dei pugliesi, che chiudono 16-13 dimostrando maggiore precisione in banda in questa fase di gioco. Grazie alle giocate di Mattera, la Tonazzo si fa nuovamente sotto (18-17) e questa volta è coach Cichello a chiedere pausa di gioco. Al ritorno in campo, spinti dal pubblico di casa, sono i giocatori di Molfetta a prendere il largo grazie anche al ad una serie di battute positive di Van Dijk, in giornata ispirata: in pochi istanti il set si chiude 25-18.2° SETCarichi per la vittoria del primo set, gli atleti di Molfetta iniziano al meglio il secondo, sfruttando le incertezze in difesa di Padova (4-1). La Tonazzo gioca a folate, tanto da portarsi sul 5-4 con Rosso e Giannotti, ma venendo poi risucchiata sull’ 8-4 dopo una serie di giocate intelligenti di Del Vecchio. Nonostante i richiami del coach, i bianconeri faticano a ritrovare il ritmo, con Vedovotto impreciso in attacco e Molfetta invece attenta (15-7). Ad un tratto per i patavini cala il buio: coach Schiavon ruota la squadra, facendo uscire Giannotti e inserendo anche Garghella e Leonardi (tra i più positivi). La Tonazzo però sbaglia molto in battuta e in attacco, tanto che per i padroni di casa si apre la strada per il 25-15 finale.3° SETSi ritorna in campo cercando di resettare i passaggi a vuoto di Padova, ma Molfetta ha acquisito un rilevante vantaggio a livello psicologico, con Van Dijk in grado di mettere da solo in difficoltà la squadra veneta. Rosso appare appannato, mentre al centro Salgado è tra i pochi a contrastare a muro gli avversari (8-5). Nonostante il tentativo di rimanere attaccati all’avversario, ancora una volta sono gli errori al servizio a far girare la ruota a favore di Molfetta che aumenta il divario: 12-6 e ancora time out chiamato da Schiavon. Dall’altra parte della rete Saitta può contare sul buon stato di forma delle sue bande e anche il secondo time out tecnico è ad appannaggio di Molfetta: 16-9. Ancora una volta coach Schiavon ruota la squadra, ma il monologo si conclude con il 25-17 finale per Molfetta.SI TORNA IN CAMPO IL 6 GENNAIO 2013. I bianconeri torneranno in campo alle ore 18.00 di domenica 6 gennaio per affrontare al PalaFabris la Sieco Service Ortona. In occasione del primo match casalingo del 2013, la Società bianconera ha pensato ad un’iniziativa rivolta ai giovanissimi: “Tonazzo Happy…fania!”. In occasione del match in concomitanza con il giorno dell’epifania, tutti gli Under 18 potranno entrare al PalaFabris con biglietto d’ingresso a soli 2 Euro. Luigi Schiavon (coach Tonazzo Padova): “L’avvio di primo set era stato incoraggiante ma poi Molfetta ha preso fiducia e ha giocato una partita buonissima e con pochi errori. Noi invece abbiamo sbagliato molto, con percentuali di attacco molto basse e facendo errori che di solito non commettiamo nemmeno in allenamento. Peccato perché da questa gara speravamo di ottenere di più, ma onore ai nostri avversari che tecnicamente sono tra i più organizzati fra quelli che abbiamo incontrato fino ad oggi. Siamo partito con Giannotti  dall’inizio perché Moretti non era ancora al meglio della condizione. Poi ho provato a dare spazio a tutti ma non è servito. Dobbiamo continuare a lavorare duramente per ripartire nel 2013 togliendo tutti quegli errori che diverse volte ci condizionano” Alberto SanaviaUfficio Stampa Tonazzo Padovapallavolopadova.com