In vantaggio per 2 volte, i patavini raccolgono 1 punto a Potenza Picena. Schiavon: «avremmo potuto ottenere di più». Domenica al PalaFabris arriva Sora  B-Chem Golden Plast Potenza Picena – Tonazzo Padova 3-2(16-25; 25-20; 21-25; 25-15; 15-12) B-Chem Golden Plast Potenza Picena: Miscio, Zamponi 7, Mercorio 21, Zamagni 7, Benaglia 11, Muzio 26, Bianchi (L); Tobaldi 1, Cecato 1, Della Corte. Non entrati: Cacchiarelli. Coach: Gianluca Graziosi.Tonazzo Padova: Moretti 14, Vedovotto 12, Volpato 7, Rosso 19, Mattera 5, Salgado 5, Balaso (L); Giannotti 3, Pedron 1, Garghella. Non entrati: Leonardi, Maniero. Coach: Luigi Schiavon.Arbitri: Bellini – De Simeis.Durata: 23’, 27’, 26’, 31’, 18’. Tot. 2h 05’.Spettatori: 300 circa. Trasferta marchigiana per i bianconeri di coach Schiavon, alla ricerca di punti preziosi per rimanere agganciati alla parte alta della classifica. La Tonazzo scende in campo con il sestetto base formato da Mattera al palleggio, Moretti opposto, la coppia Rosso-Vedovotto in banda e quella Volpato-Salgado al centro, Balaso libero.1° SETParte forte la compagine veneta, capace di portarsi subito sull’1-3 grazie ai buoni spunti di Rosso. Potenza Picena ruota il proprio gioco attorno all’esperienza di Mercorio ed è grazie a lui che – nonostante il vantaggio di 6-8 dei bianconeri – la squadra di casa rimane vicina ai patavini. Al ritorno in campo la continuità di Vedovotto consente alla Tonazzo di portarsi a +4 grazie anche ad un bel ace di Mattera (9-13). I bianconeri vivono un momento positivo e questo permette a Moretti di allungare sull’11-16 (per lui 5 punti e 62% di positività in questo set). Il muro di Volpato toglie fiducia alla squadra di casa e Padova può chiudere 16-25.2° SETDifficile invece l’avvio di secondo set, con Potenza Picena che trova fiducia al servizio e si porta presto sul 6-2 costringendo coach Schiavon a ripararsi in time out. La reazione dei padovani è ordinata, tanto da riportarsi sul 6-6 grazie ad un Vedovotto in giornata positiva. Ne nasce un testa a testa che porta le due squadre fino al 15-12, con Potenza Picena maggiormente concreta in un paio di occasioni grazie a Muzio (ben 7 punti per lui in questo set). Puntuale torna il time out richiesto da Schiavon, con Padova che arriva al secondo parziale sul 16-14. Il calo di Padova corrisponde ad una maggiore fiducia per Potenza Picena che, grazie all’errore al servizio di Rosso e ad un’incomprensione in ricezione tra i bianconeri, chiude il set a suo favore per 25-20.3° SETAvvio di set equilibrato, con entrambe le squadre che ripartono dopo aver vinto un set a testa. Se da una parte Rosso (5 punti) e Moretti mettono a segno palloni preziosi, dall’altra sono i soliti Mercorio e Muzio a tenere testa alta alla squadra di casa (8-8). L’equilibrio continua fino al secondo time out tecnico, con un sudato 15-16 conquistato dalla Tonazzo. I 10 errori in attacco (contro i 3 di Padova) pesano come un macigno per Potenza Picena. La chiave del set è il muro di Rosso sul 18-21,  seguito da un primo tempo di Salgado che permette ai bianconeri di chiudere in pochi minuti sul 21-15.4° SETSembra ottimo l’avvio di quarto set per i padovani: con Vedovotto in battuta la Tonazzo scava un piccolo solco (0-3), ma è solo un attimo. I numerosi falli in attacco di Padova ribaltano la situazione, tanto che Muzio & C. vanno in panchina sull’8-7 al primo time out tecnico. Al ritorno in campo un errore al palleggio prima e una murata su Moretti poi, fanno presagire ad un passaggio a vuoto per la Tonazzo, tanto che sul 10-7 e sul 12-7 coach Schiavon chiede due pause di gioco. L’allenatore bianconero getta nella mischia Pedron e Giannotti, con i patavini che riducono il divario grazie anche ad un buon momento di Volpato (14-12). Al secondo time out tecnico Potenza Picena è avanti 16-13 con una bella pipe di Mercorio. Il 17-17 arriva grazie ad un primo tempo di Salgado e ad una bella azione con mani e fuori ottenuto da Giannotti. La rimonta si spegne sul 20-17 dopo una ricezione sbagliata di Rosso, seguita da un errore in alzata di Pedron che accende le speranze degli avversari. Giannotti è attivissimo in attacco, ma sul 23-21 Vedovotto spara out il servizio e i padroni di casa chiudono 25-21 nella successiva azione.TIE BREAKAl tie break tornano in campo Mattera e Moretti. L’avvio è ancora una volta equilibrato, con Zamagni attivo al centro per i marchigiani. Grazie ad un pallonetto e ad una murata Moretti porta i patavini in vantaggio (4-5). L’errore al servizio di Salgado e le azioni di Muzio consentono ai ragazzi di coach Graziosi di andare sul’8-6, con Moretti unico punto di riferimento dell’attacco di Padova. Rosso fa il bello ma anche il cattivo tempo, realizzando punti importanti ma sprecando in fase di ricezione (13-11). Nonostante il muro di Salgado, la pipe sparata out dal capitano e un altro errore in ricezione permettono a Potenza Picena di vincere 15-12.ORA SORA IN CASA. Alle ore 18.00 di domenica 2 dicembre la Tonazzo Padova ospiterà al PalaFabris la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Luigi Schiavon (coach Tonazzo Padova): «Abbiamo disputato uno strepitoso primo set. Loro hanno vinto il successivo ma abbiamo giocato con il giusto atteggiamento per tornare nuovamente in vantaggio. Alla fine avremmo dovuto portare a casa il quarto set, ma è sorto qualche problema di carattere tecnico, con loro che hanno iniziato a difendere e soprattutto a ricevere meglio di noi. Da lì abbiamo perso la nostra continuità e questo ha consentito a Potenza Picena di vincere meritatamente. Nonostante ciò ci teniamo stretti il punto raccolto oggi e ora ci prepariamo alla sfida con Sora. Sulla carta i nostri prossimi avversari hanno grossissime potenzialità, al pari di Città di Castello. Noi dovremo giocare a viso aperto, provando come sempre a limitare al minimo gli errori» Alberto SanaviaUfficio Stampa Tonazzo Padovapallavolopadova.com