I bianconeri lottano in finale ma si arrendono per 3-1 agli “esperti” del Club Italia. Bottolo eletto miglior schiacciatore della manifestazione. Coach Cecchinato: «secondo posto di prestigio»

 

 

 

Si è concluso con un secondo posto il cammino della Kioene Padova Under 19 all’edizione 2019 del Cornacchia World Cup. Al PalaCrisafulli di Pordenone i patavini si sono dovuti inchinare al Club Italia per 3-1. Nei momenti decisivi l’esperienza della squadra di coach Cresta – che quest’anno ha disputato il campionato di serie A2 – ha fatto la differenza, ma per Padova sono stati molti gli applausi, tra cui il premio individuale come miglior schiacciatore andato a Mattia Bottolo. «E’ un secondo posto di prestigio – ha detto coach Fabiano Cecchinato al termine della partita – dato che la qualità degli avversari era molto alta. Purtroppo le sfide contro Modena e Yaka Volley ci hanno tolto molta energia e in finale l’abbiamo pagata. Il Club Italia, oltre ad essere una squadra abituata a giocare ad alti livelli, ha fatto riferimento ai suoi giocatori chiave nei momenti decisivi. Nonostante tutto, abbiamo giocato con il giusto atteggiamento, per cui torniamo a Padova felici del percorso fatto in questo torneo».
Il Cornacchia World Cup è il torneo di pallavolo giovanile di categoria con il più alto numero di squadre Nazionali e Serie A in Europa e si svolge dal 1983 a Pordenone nei giorni di Pasqua. Alla sua 37° edizione, la Cornacchia World Cup ha ospitato i Club di pallavolo più importanti del panorama italiano oltre a centinaia di comitive estere.
LA CRONACA. Nel primo set l’Italia stacca sul 17-11sfruttando bene il proprio muro e il servizio. Un vantaggio controllato fino al termine (25-16). Ottimo avvio nel secondo parziale, con Padova a farsi insidiosa alla battuta (2-6), ma sull’11-11 arriva l’aggancio. Sul 21-19 il Club Italia accelera quanto basta per chiudere 25-20 sfruttando anche un servizio out della Kioene. Nel terzo parziale Gottardo crea difficoltà in ricezione portando avanti Padova 6-9. Vantaggio che prosegue fino al 16-20, quando l’Italia si riavvicina pericolosamente (19-20). Ferrato trova però il set ball sul 21-24 e Gamba manda sulla rete il servizio del 22-25. Nel quarto parziale le difese della Kioene fanno la differenza, tanto che sul 3-7 arriva il time out di coach Cresta. Azione dopo azione, l’Italia recupera (15-15). Col turno al servizio di Magalini, il Club Italia trova il vantaggio (20-17) ma Padova non molla (23-22). Al ritorno in campo l’Italia è più fredda nella gestione chiudendo il match 25-23.
IL CAMMINO DELLA KIOENE. Un cammino a dir poco favoloso quello dei ragazzi di coach Cecchinato, iniziato sabato 20 aprile nel girone B con la vittoria per 2-0 contro la Svezia, l’Asd Futura Cordenons e gli slovacchi del VKP Spu Nitra. Chiudendo il proprio girone al primo posto, i bianconeri hanno affrontato la Germania vincendo 3-0 e Modena Volley ai quarti di finale, ottenendo una bellissima vittoria per 2-3. In semifinale i ragazzi di coach Cecchinato hanno battuto lo Yaka Volley Varese per 3-1, incrociando così in finale il Club Italia.
IL ROSTER. Questo il roster Kioene Padova che ha preso parte alla Cornacchia World Cup 2019. In ordine alfabetico: Beggiato Erik, Bellomo Luca, Bottolo Mattia, Cengia Riccardo (in prestito da Avolley Schio), Cogo Andrea, Ferrato Leonardo, Gottardo Mattia, Guzzo Tommaso, Meoni Filippo, Migliorin Tommaso, Rizzi Tommaso, Rossi Pietro, Salmaso Alessandro. 1° allenatore Fabiano Cecchinato, 2° allenatore Giorgio Sabbadin.

 

 
Alberto Sanavia
Ufficio stampa Kioene Padova
www.pallavolopadova.com